Via Crucis Per La Famiglia Seguito


Sague dalla Pagina :
http://www.cittacattolica.com/index.php?action=pagdx&idx=37
DODICESIMA STAZIONE
GESÙ MUORE IN CROCE DOPO TRE ORE DI AGONIA
- O Cristo, noi Ti adoriamo e Ti benediciamo.
- Perché con la Tua Santa Croce hai redento il mondo.
O Gesù, chi potrà mai descrivere quelle ore?...
In quelle tre ore si è fatto presente in Te tutto il passato, il presente e il futuro del mondo. Tutto si è ricapitolato in Te e si­curamente quelli che stavano assistendo alla Tua Morte, ad ec­cezione di pochissimi tra i quali Tua Madre, non capivano che tutte le cose del cielo e della terra stavano morendo per rinasce­re, come in una seconda creazione.
In quelle ore in cui le tenebre avvolgevano tutta la terra, hai consegnato ad ogni famiglia una Madre, il perdono, soprattutto per i nemici, la tua sete di amore per tutte le anime del mondo e per tutti i tempi del mondo, ed hai infine spalancato ad ognuno le porte del Paradiso.
Grazie, Gesù, per il tuo sacrificio, che ha squarciato il velo del Tempio e ci ha permesso di entrare nell'Arca dell'Alleanza Eterna che Dio Padre, nel Suo Amore infinito, aveva già preor­dinato per la salvezza di ognuno.
Grazie, o Maria, vera Arca dell'Alleanza, che ancora oggi continui ad invitare ogni famiglia a prendere Gesù come fratel­lo e Te come madre, e ad entrare nell'Alleanza per navigare si­curi attraverso i secoli, verso la terra Promessa, verso la Nuova Gerusalemme, che attende spendente ogni Suo figlio. Padre nostro, Ave, Gloria.
Santa Madre, deh! Voi fate che le piaghe del Signore siano im­presse nel mio cuore.
TREDICESIMA STAZIONE
GESÙ È DEPOSTO DALLA CROCE SULLE GINOCCHIA DELLA MADRE
- O Cristo, noi Ti adoriamo e Ti benediciamo.
- Perché con la Tua Santa Croce hai redento il mondo.
O Maria! Cosa dev'essere tenere fra le braccia il proprio Figlio morto!! La fede si fa ancora più oscura e la speranza de­ve andare contro e oltre ogni speranza umana. Ormai non può essere che una speranza soprannaturale, una speranza che sfida ogni ragionamento, ogni logica umana.
Tu tieni fra le braccia quella che gli uomini considerano ir­rimediabilmente la morte.
O Maria, oggi, nella maggior parte delle famiglie è morta la speranza; i dolori e le sofferenze si moltiplicano talmente sotto ogni aspetto e forma, che è difficile donare parole di speranza.
Tu hai fra le braccia un corpo morto, ma sai bene che la Luce e lo Spirito di Dio sono ancora vivi, e più che mai, in Colui che è considerato da tutti un perdente, uno sconfitto.
O Gesù, nel corso dei secoli, la morte non è stata sconfitta da nessuno; resta l'eterna paura dell'uomo, ma soprattutto dell'uomo che non ha speranza, che non ha più Dio.
Grazie, Gesù, per quelle famiglie dove la morte non ha più il suo pungiglione, ma dove si sa con serena certezza che è solo il passaggio dalla vita terrena alla vita del Cielo.
Grazie, o Maria, Madre della Salvezza eterna, che raccogli in tutte le famiglie del mondo l'ultimo respiro di chi sta per en­trare nella Gerusalemme celeste, nell'assemblea festosa dei Santi, e infondi la Speranza nella Misericordia di Dio, che acoglie ogni uomo di buona volontà.
Grazie, per ogni famiglia in cui i suoi membri sono consa­pevoli della morte in senso cristiano, di questo incontro festoso con il Padre, per una gioia senza fine. Padre nostro, Ave, Gloria.
Santa Madre, deh! Voi fate che le piaghe del Signore siano im­presse nel mio cuore.
QUATTORDICESIMA STAZIONE
GESÙ È DEPOSTO NEL SEPOLCRO
- O Cristo, noi Ti adoriamo e Ti benediciamo.
- Perché con la Tua Santa Croce hai redento il mondo.
Gesù, quella pietra che scivola pesante sulla Tua tomba, suggella il sacrificio di un Dio. Proprio vero che Dio non è solo Padre, ma anche Madre, perché Tu ti sei sacrificato come una mamma che è tutta per i figli.
Gesù, quante famiglie sono in uno stato di vita apparente, sono morte spiritualmente, perché non c'è nessuno che si sacri­fichi per loro!!
Non c'è nessuno che veda il Tuo Corpo martoriato in esse; nessuno che veda Te, Gesù, nel volto del famigliare che soffre, nessuno che abbia pazienza e amore e sappia andare oltre il vi­sibile, per scoprire l'Invisibile.
Grazie, Gesù, per tutte quelle famiglie in cui ogni membro vede nell'altro il Tuo Volto Santo, perché in queste famiglie l'amore e la riconciliazione sono sempre a portata di mano e, queste, non sono parole difficili a capirsi.
O Maria, Regina della Pace, porta l'amore nelle famiglie che sono diventate "sepolcri imbiancati", dove c'è solo l'appa­renza del bene, ma non la sostanza.
Proteggi le famiglie che vivono nella pace e nella serenità, quella pace che il mondo non può dare, perché viene soltanto da Dio, ed esse hanno la certezza di essere custodite da Lui e nascoste nel suo cuore di Padre. Padre nostro, Ave, Gloria.
Santa Madre, deh! Voi fate che le piaghe del Signore siano im­presse nel mio cuore.
QUINDICESIMA STAZIONE
GESÙ È RISORTO
- O Cristo, noi Ti adoriamo e Ti benediciamo.
- Perché con la Tua Santa Croce hai redento il mondo.
O Gesù, la Tomba è aperta; Maria di Magdala non sa che prima di lei gli Angeli hanno esultato per la vittoria della Vita. Per tutto l'Universo si è ripetuto di nuovo il grido dell'Arcangelo Michele "Chi è come Dio!"; il grido che dall'inizio dei tempi aveva precipitato la falsa luce nelle tene­bre senza fine.
Per tutto l'Universo si sta cantando una Vittoria ben più grande che all'inizio dei tempi, perché in quella tomba aperta, vuota, dove Tu non ci sei più, è già stato pronunciato l"Amen" della Vita, della Luce e dell'Amore Eterno.
Sì, è iniziata l'Apocalisse, il nuovo Esodo verso la Gerusalemme celeste, la Città Santa di ogni uomo di buona vo­lontà, di ogni famiglia cristiana.
Grazie, Gesù, perché Tu hai vinto la paura, la morte, e con Te abbiamo vinto tutti noi.
Grazie, Gesù, per ogni famiglia che risorge ogni giorno con Te, e per la quale ogni giorno è nuovo ed è un incontro con la vita, che è la Tua vita.
O Maria, Regina degli Angeli e delle Vittorie, Tu che splendi con Gesù nella Gloria del Padre, Donna vestita di Sole, prendi ogni famiglia per mano, con la Tua tenerezza di mamma e accompagnala all'incontro col Padre, vestita d'amore.
Padre nostro, Ave, Gloria.
Santa Madre, deh! Voi fate che le piaghe del Signore siano im­presse nel mio cuore.
Comunità FAMIGLIA MARIANA 12082 - FRABOSA SOPRANA (CN) - Te]. 0174.244130