Sul Giornale di oggi pubblico il testo di una lettera dell’allora vescovo ausiliare di Cracovia Karol Wojtyla a Padre Pio. Che attesta l’esistenza di una corrispondenza epistolare e di una vicinanza spirituale tra i due protagonisti della vita della Chiesa del Novecento ancora tutta da esplorare. Si conoscevano infatti soltanto due brevi lettere, in latino, scritte da Wojtyla nel novembre 1962 per chiedere a Padre Pio preghiere per la guarigione della dottoressa Wanda Poltawska, madre di famiglia, ammalata di cancro. La donna guarirà istantaneamente. Ora, grazie a questa nuova lettera, sappiamo che le richieste di grazie esaudite sono state di più. E soprattutto che il vescovo Wojtyla chiedeva vicinanza spirituale a Padre Pio per affrontare le “ingenti difficoltà” pastorali nella diocesi di Cracovia, che all’epoca in cui scrive questa lettera - 14 dicembre 1963 - egli reggeva da un anno e mezzo come amministratore apostolico dopo la morte dell’arcivescovo Baziak. Sorprendono le date: appena due settimane dopo aver scritto questa missiva, inedita e ritrovata dal postulatore della causa di beatificazione di Giovanni Paolo II fra le carte dell’Archivio della Curia di Cracovia, Wojtyla viene nominato arcivescovo da Paolo VI. Il significato del documento viene spiegato da don Francesco Castelli, della postulazione, in questa intervista.